• Alessandra Pagliuca

MOTHER



2 Maggio 2017

Sono solo al principio e già mi sono innamorata di quest’opera.

Raffigura le mani di mia MADRE.

Mani protettive, dolci, calde. Mani che mi hanno cresciuta e accompagnata sempre.

Da quando mi sono trasferita a più di trecento chilometri da queste mani, ne sento la mancanza.

In questo modo mi sembra di averle con me, e di esorcizzare attraverso l’olio e la tela questa malinconia che mi fa desiderare di stringerle ancora.

 

23 Maggio 2017

Continuo con la stesura di velature di olio per rappresentare le sue mani.

Mani di una lavoratrice, di un’infanzia nei campi e un’età adulta dedicata ai figli.

L’importante, per poter rendere al meglio le tonalità e le luci, è accostare colori freddi a colori caldi. Solo in questo modo potranno vibrare. L’uso del blu e del giallo è indispensabile, anche se sembra incredibile pensare alla presenza di questi colori nell’incarnato umano.

L’opera è quasi finita, ed è già la mia preferita.

 

22 Giugno 2017


MOTHER, olio su tela, 40 x 40cm. Anno 2017.


Un’opera che mi è particolarmente cara. Un’opera che mi ha preso tanto tempo, notti, amore.

Le mani di mia madre, le mani di tutte le madri.

Le rughe del tempo e della fatica, di mille carezze a tre figlie cresciute con forza e costanza. Gli anelli che porta da tutta la vita. Le unghie una volta lunghe e curate, oggi accorciate dalla necessità. Le vene bluastre che ha trasmesso anche a me. Le nocche arrossate dal lavoro di tutta una vita.

Mani che riconoscerei tra migliaia.

 


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

#Nomophobia

ACQUA